Riabilitazione

Riabilitazione

Trattamenti per ripristinare il corretto funzionamento del sistema muscolo-scheletrico, neurologico e cardiorespiratorio.

La Fisioterapia è una branca delle scienze sanitarie che si occupa della prevenzione, cura e riabilitazione dei pazienti affetti da patologie o disfunzioni congenite o acquisite in ambito muscoloschelettrico, neurologico e viscerale attraverso molteplici interventi terapeutici, quali: terapia manuale, rieducazione funzionale, esercizio terapeutico, terapia fisica strumentale, massoterapia, terapia posturale, chinesiterapia, e molto altro.

Il fisioterapista in autonomia e in collaborazione con medici specialisti, medici di medicina generale e altre figure sanitarie, effettua una valutazione fisioterapica, momento cardine per l’inquadramento del disturbo e la successiva programmazione del percorso di cura, in funzione delle migliori evidenze scientifiche disponibili ed in ottica bio-psico-sociale.

A seguito di traumi, interventi chirurgici o patologie, il paziente può presentare una ridotta capacità funzionale e, quindi, un impossibilità allo svolgimento della corretta funzione da parte di un segmento corporeo, con possibile conseguente riduzione della funzionalità corporea generale. Si effettuano trattamenti fisioterapici mirati al ripristino delle normali attività quotidiane e/o sportive.

La Rieducazione Posturale Globale è una metodica riabilitativa di valutazione e trattamento delle patologie dell’apparato locomotore, e fornisce un valido contributo alla definizione della diagnosi funzionale.
Philippe E. Souchard, traendo spunto dai suoi lavori di ricerca e dalla pratica clinica quotidiana, tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta ha elaborato in Francia questa metodica riabilitativa basata su tre principi fondamentali: Individualità – Causalità – Globalità.
Partendo dall’organizzazione in catene muscolari e dalla relazione meccanica funzionale che si stabilisce tra i diversi distretti del corpo, la RPG consente di approfondire la conoscenza delle problematiche specifiche in modo individuale.
Il paziente viene considerato come una unità funzionale: la RPG utilizza una serie predefinita di “posture terapeutiche” e le applica in modo “globale” e progressivo, con l’obiettivo di raggiungere un riequilibrio funzionale precedentemente compromesso. Il lavoro si sviluppa attraverso l’allungamento e/o il rilasciamento tonico delle catene muscolari ipertoniche responsabili del controllo posturale.
Tramite l’applicazione delle stesse “posture terapeutiche” è possibile individuare la relazione di causa ed effetto e stabilire l’origine del problema ed eliminarlo.
Attraverso lo studio della biomeccanica, osservando la funzione statica e dinamica del sistema tonico-posturale è possibile valutare le relazioni tra le caratteristiche anatomiche e fisiologiche del corpo umano.
L’adattare il trattamento terapeutico in forma individualizzata consente di applicare la RPG su un gran numero di condizioni patologiche, di favorire il recupero del corretto allineamento posturale, della flessibilità muscolare, della eliminazione della sintomatologia dolorosa e permette di ristabilire la funzione grazie alla stretta connessione esistente tra forma, struttura e funzione.

Il bendaggio funzionale è una tecnica di immobilizzazione parziale volta a ridurre i tempi di guarigione rispetto alle metodiche di immobilizzazione tradizionali. Un’articolazione viene infatti messa in scarico e protetta, soltanto nella direzione di movimento dolorosa o patologica. Tale tecnica fu messa a punto e introdotta in fisioterapia negli anni ’60 da un gruppo di ricercatori americani. Si ottiene attraverso l’applicazione mirata di bende e cerotti adesivi. Le bende utilizzate si distinguono per le varie misure (cm 6-8-10), o per il loro grado di estensibilità. Alcune bende sono elastiche in larghezza, altre in lunghezza, altre ancora in entrambe le direzioni; vengono impiegate a seconda delle indicazioni. Il cerotto o tape anelastico viene utilizzato per bloccare l’articolazione nelle direzioni desiderate.
Indicazioni e controindicazioni
Confezionare un bendaggio funzionale è sempre una decisione medica. Può essere indicato in seguito ad un trauma distorsivo od una lussazione, dopo una lesione muscolare od una microfrattura , ma anche nel caso di edemi e gonfiori importanti. Non va bendato chi ha problemi dermatologici o allergie riconosciute al collante. Viene rimosso solitamente 4/7 giorni dopo, durante i quali viene concesso di svolgere le normali attività giornaliere.
Non può essere bagnato.

Il massofisioterapista è un operatore ausiliario di area sanitaria. Tale figura, esegue dietro prescrizione medica, esclusivamente interventi e trattamenti massoterapici (ovvero pratiche fondate sul massaggio) cui vengono sottoposte alcune regioni del corpo, allo scopo di migliorare le attività biomeccaniche.

La massoterapia rappresenta la più antica forma di trattamento curativo nella quale la cute, il tessuto sottocutaneo, il tessuto muscolare e il connettivo del paziente sono sottoposti ad una serie di tecniche di manipolazione da parte del Terapista, allo scopo di curare processi morbosi che possono essere localizzati e/o generalizzati.
Viene praticato sui tessuti molli per stimolare i recettori nervosi, migliorare la circolazione sanguigna generale, il microcircolo locale ed il trofismo dei tessuti stessi, favorire l’eliminazione delle scorie metaboliche, favorire il riassorbimento di ematomi ed edemi e restituire, tramite un’azione rilassante o tonificante a seconda delle situazioni terapeutiche, la normale tono-troficità delle strutture lese.

Il linfodrenaggio manuale è una particolare tecnica di terapia manuale finalizzata alla stimolazione ed al riequilibrio del sistema drenante che, per qualche motivo, sia stato alterato, con dei tocchi molto leggeri che mirano ad “incanalare” la linfa nella direzione di deflusso. È indicato nel trattamento di edemi di varia origine (traumatica, vascolare o post chirurgica), stasi linfatiche e in genere laddove siano presenti gonfiori provocati da un insufficiente sistema di drenaggio.

Terapie fisiche strumentali

La terapia fisica strumentale è la branca della medicina riabilitativa che utilizza, a scopo terapeutico, le apparecchiature elettromedicali in modo da sfruttare le energie fisiche. L’impatto di queste energie sui tessuti genera una catena di reazioni biologiche che si traducono in specifici effetti terapeutici quali: analgesia, attivazione del metabolismo locale, de-contrattura, tonificazione muscolare, effetti antinfiammatori e antiedemigeni, potenziamento del sistema immunitario, ecc.

Presso il nostro centro vengono eseguite le seguenti terapie fisiche strumentali:

La Tecar Terapia serve ad eliminare il dolore percepito dal paziente sin dalle prime sedute. 
L’impiego della tecar è molto utile nelle terapie riabilitative per il recupero di distorsioni, lesioni tendinee, tendiniti, borsiti, esiti di traumi ossei e legamentosi, distrazioni osteoarticolari acute e recidivanti, artralgie croniche di varia eziologia, nelle patologie muscolo scheletriche come contratture, stiramenti e strappi muscolari, miositi, patologie a carico delle capsule articolari, processi artrosici, lombalgie e sciatalgie, come indubbia è la sua utilità nei programmi riabilitativi post chirurgici, in particolare dopo interventi di artroprotesi.
È molto utilizzata nel trattamento degli sportivi perchè porta risultati molto rapidi, i miglioramenti si vedono già dalla prima seduta.

Contenuto in aggiornamento.

È un elettroterapia antalgica che utilizza frequenze tra 2hz e 150hz per ridurre il dolore causato da tante patologie diverse.
La tecnica è quella di inviare degli impulsi elettrici sulla cute, attraverso delle placche elettroconduttive.
Stimolando le fibre nervose, la TENS può neutralizzare i segnali dolorifici, i quali non arrivano al cervello, quindi non si percepiscono.
Inoltre, gli impulsi della TENS indicano all’encefalo di produrre beta-endorfine, cioè sostanze fisiologiche con gli stessi effetti della morfina per aumentare l’azione analgesica.In fisioterapia, si utilizza la TENS per: dolore cervicale, tendiniti, cervicobrachialgia, lombosciatalgia, dolore intercostale, mal di schiena, periartrite della spalla, ecc.La funzione di riabilitazione della TENS consiste nella capacità di ridurre il dolore e ristabilire le condizioni fisiologiche normali.

È una vibrazione acustica con una frequenza al di sopra di quelle udibili dall’orecchio umano (maggiore di 20000 Hz).
L’ultrasuonoterapia è l’applicazione a scopo terapeutico di questo tipo di energia sonora. La produzione di ultrasuoni si ottiene sfruttando l’effetto piezoelettrico, che è la proprietà di alcuni cristalli minerali , di produrre vibrazioni  comprimendosi e decomprimendosi  quando  sono sottoposti ad un campo di corrente alternata.
Gli effetti terapeutici principali sono la risoluzione delle contratture muscolari dovuta all’effetto termico e di micro massaggio, l’azione fibrolitica dovuta allo scompaginamento del collagene nei tessuti fibrosi e
l’azione trofica indotta dalla vasodilatazione con eliminazione dei cataboliti e attivazione del metabolismo cellulare.

La vacuumterapia è un metodo terapeutico che usa l’effetto del vuoto su tutto il corpo associando ad un miglioramento  della microcircolazione tessutale un’azione antinfiammatoria e disintossicante.

La vacuumterapia consiste nell’applicare a una parte del corpo una camera a tenuta d’aria, in cui si pratica una depressione e successivamente una compressione per sollecitare la circolazione venosa e linfatica: in questo modo si ottiene infatti un effetto ventosa che genera un maggior afflusso di sangue nella zona, stimolando la circolazione e l’ossigenazione e velocizzando il ricambio di sostanze e l’eliminazione delle tossine.

Fisioterapia

INFO DOC
Dott. Alessandro Testi
Dott. Iari Perotti
Dott.ssa Erica Ferrarini

Massoterapia

INFO DOC
Dott.ssa Neva Leardini

Palestra riabilitativa

Nel processo riabilitativo, la palestra si rivela essere una componente fondamentale e complementare alla terapia manuale ed alla terapia strumentale. Al suo interno, sotto il costante monitoraggio e la guida di personale esperto e qualificato, il paziente può svolgere, con l’ausilio di apposite attrezzature, tutti gli esercizi previsti nel progetto riabilitativo personalizzato predisposto dai Fisioterapisti e dal Personale Medico, seguendo protocolli condivisi, sempre comunque adattati alle specificità del singolo paziente.

Abbi cura del tuo corpo, è l'unico posto in cui devi vivere.

Jim Rohn